Stampa

Da Blanda a Temesa-la guida archeologica della costa tirrenica cosentina 17 Dic. tortora-Cs-calabria

Evento

Titolo:
Da Blanda a Temesa-la guida archeologica della costa tirrenica cosentina 17 Dic. tortora-Cs-calabria
Quando:
Sab, 17. Dicembre 2011, 17:00 h - 20:00 h
Dove:
tortora, cs
Categoria:
Convegno

Descrizione

La S.V. è invitata a partecipare
al convegno di presentazione della guida
"Da Blanda a Temesa:
Itinerari archeologici lungo la costa tirrenica cosentina"
sabato 17 dicembre 2011 ore 17:00
Sala Consiliare del Comune di Tortora

 

 




Sabato 17 dicembre alle ore 17:00 presso la sala consiliare del Comune di Tortora sarà effettuata la presentazione di una nuova guida archeologica curata dal Dott. Fabrizio Mollo dal nome “Da Blanda a Temesa: Itinerari archeologici lungo la costa tirrenica cosentina”.
Il progetto, patrocinato dall’assessorato alla cultura della provincia di Cosenza in collaborazione con la Soprintendenza per i beni archeologici della Calabria, punta a promuovere le straordinarie testimonianze storiche del tirreno cosentino: dal museo di Tortora presso Palazzo Casapesenna dove è possibile ammirare i reperti dell’antica Blanda, all’insediamento del Laos, da Cirella a Belvedere ed Acquappesa, da Cetraro a Paola, San Lucido, Amantea e Serra d’ Aiello. Una Calabria da scoprire, dunque, e rivalutare anche storicamente: in queste aree l’uomo ha cercato sede sin dalla preistoria, considerati i gruppi umani che frequentavano la grotta del Romito di Papasidero e della Madonna della Grotta di Praia a Mare, e tutti i successivi insediamenti, dai fuoriusciti di Sibari da cui è sorta la città greca di Laos ai centri italici della stessa Laos e di Blanda in conflitto con la città greca di Thourioi, dallo sviluppo dell’occupazione romana fino all’abbandono delle sedi urbane dopo la caduta dell’impero e la costituzione di nuovi aggregati attorno alle sedi vescovili bizantine.
La città di Blanda ricopre un ruolo di primaria importanza nelle scoperte registratesi in Calabria: qui, dal 1990 ad oggi è stato possibile rinvenire numerosi reperti che hanno permesso di ricostruire con certezza le varie fasi di insediamento locale, dalle testimonianze preistoriche della zona del Rosaneto e delle grotte di Torre Nave e della Fiumarella fino alla presenza dei Romani, passando attraverso la popolazione indigena degli Enotri colonizzata poi dai Lucani. Una serie di scavi ha permesso di scoprire due necropoli che hanno restituito oltre cinquanta tombe la maggior parte delle quali con corredo funebre. Il lavoro svolto trova testimonianza all’interno del Museo Archeologico presso Palazzo Casapesenna a Tortora Centro Storico, dove è possibile ammirare anche la perfetta ricostruzione di una tomba a cassa di tegole completa di corredo del IV sec. a.C..
L’età romana è poi ancor di più messa in evidenza grazie alle varie scoperte rinvenute sul colle del Palecastro e menzionate nella guida: Blanda Julia viene dotata di un Foro, con piazzale quadrangolare 27×27, un lato del quale era chiuso da tre edifici templari, una Chiesa interamente conservata in fondazione ed in minima parte nell’alzato e nei pavimenti, ed infine il Mausoleo, scoperto lungo la strada al confine tra Calabria e Basilicata, un importante monumento funerario utilizzato in maniera esclusiva da grossi personaggi dell’aristocrazia urbana in epoca tardo-repubblicana.
Un itinerario, quello proposto dalla guida, che parte da Blanda e si articola per tutta la costa tirrenica cosentina, approfondendo i vari aspetti della colonizzazione e delle scoperte archeologiche attraverso l’analisi dei reperti e dei vari luoghi dove è possibile ammirare ciò che la storia ha lasciato in eredità. Uno strumento attraverso il quale promuovere le bellezze, spesso poco valorizzate, del nostro territorio ed esaltare nel modo più opportuno il valore del patrimonio archeologico presente sul tirreno cosentino.
Alla presentazione interverranno il Sindaco di Tortora Ing. Pasquale Lambogla, l’ Ing. Francesco Froio del Gruppo Archeologico Alybas di Serra d’ Aiello, il Prof. Antonio Zumbo, docente di epi rafia latina all’Università della Calabria, il Dott. Gregorio Aversa della Soprindentenza Archeologica della Calabria il cui intervento riguarderà “L’archeologia dell’Alto Tirreno Calabrese tra tutela e valorizzazione”, il Dott. Fabrizio Mollo del Dipartimento di Scienze delle Antichità dell’Università di Messina, nonché redattore della guida, che interverrà sulle “Nuove prospettive di ricerca a Blanda Julia” ed infine la Prof.ssa Maria Francesca Corigliano, Assessore alla cultura della Provincia di Cosenza.


Sede

Location:
Comune di Tortora Cs Calabria
Via:
Strada Panoramica al Porto
CAP:
87020
Città:
tortora
Provincia:
cs
Nazione:
Italy